domenica 5 gennaio 2014

arrivano i re magi...die Sternsinger



Ormai le feste ed il natale sono arrivati al termine e ci si appresta a preparare vino e biscotti per la befana che arriverà questa notte...ed ovviamente anche le calze.

Ma nella nostra piccola terra di confine questa festa è sentita soltanto nelle famiglie di lingua italiana o bilingue. È arrivata infatti, insieme ai nostri nonni (da ogni parte d'italia) che molti anni fa si sono trasferiti qui, insieme alle loro-nostre tradizioni.

Qui in alto adige invece, come in Austria e Germania la fine del periodo natalizio è salutata con l'arrivo nelle case degli Sternsinger - Re Magi. 
Questi bimbi o ragazzi cantando di casa in casa canzoni di natale, regalano alle famiglie che li accolgono incenso e scrivono sulla porta d'ingresso una sigla 20+C+M+B+14(anno in corso). La sigla ha due significati, sia l'iniziale dei nomi dei magi, che allo stesso tempo "Christus Mansionem Benedicat" (dio benedica questa casa). 

Grazie a questa iniziativa, i ragazzi raccolgono offerte per sovvenzionare alcuni progetti missionari nel sud del mondo. Pensate che lo scorso anno dai 6000 sternsinger di tutto l'alto Adige sono stati raccolti 1,45 milioni di €

Ed oggi hanno suonato anche alla nostra porta, è stato un bel regalo ed anche una bella sorpresa, non c'era mai capitato prima a Bolzano. 
La cosa più piacevole è stata poter chiacchierare con loro di fronte a qualche biscotto ed un po di tè e vedere il loro entusiasmo per quanto stavano facendo.

Ecco forse non si aspettavano una famiglia di chiacchieroni come la nostra, considerando che la nonna si è anche messa a raccontare di quando era piccola e faceva Maria alle recite di natale e a cantare le sue canzoncine...speriamo che il prossimo anno ritornino ;)   

12 commenti:

  1. Non sapevo di questa tradizione altoatesina! Una iniziativa davvero lodevole!

    RispondiElimina
  2. Io la conoscevo, ma finalmente l'ho vista dal vivo ;) sono anche felice che blogger aggiorni i post...finalmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi sono arrivati ora qulli degli ultimi mesi...tutti insieme! Sono contenta di sapere che ora è tutto a posto e di non perdermi nulla in futuro!

      Elimina
  3. Bellissima questa tradizione, non la conoscevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vivendo a Lana, sto scoprendo anch'io nuove tradizioni. è un bel piccolo viaggio culturale ;)

      Elimina
  4. Questo post mi è piaciuto davvero molto! Uno dei migliori che ho letto questo settimana! L'ho scritto anche qui!!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo conoscere queste tradizioni, da noi prima di Natale passano a cantare "la stella", una volta era tradizione passassero i ragazzini del paese ora lo fanno i gruppi dei giovanissimi della parrocchia, la banda del paese e in alcuni paesi i genitori delle scuole e tutti lo fanno a scopo di beneficienza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi da "giovani" facevamo la chiara stella, poi ci abbiamo provato insieme ai nostri piccoli, ma pian piano il gruppo si è un po' diviso causa trasferimenti. La ricordo con gioia, tutti vestiti da pastori...

      Elimina
  6. Ma che meraviglia!!!! L'Alto Adige riesce sempre a sorprenderti!!! Lo dice una trentina doc, eh, eh! E finalmente scopro cosa significano quelle lettere che si trovano spesso sulle vostre porte. Non sai quante volte mi ci sono arrovellata!!!! Grazie della super gradita spiegazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son d'accordo con te, per noi spostarsi di soli 20 km è stato un super salto culturale. Mia figlia dopo una settimana mi ha detto: "quando abitavano nella casa in Italia;)" ma abbiamo scelto di crescerli bilingui, ed ora è tutta un'avventura

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...